LA GUERRA AL CONTANTE – LA CAMPAGNA PER LA SOPRAVVIVENZA DELLE BANCHE CENTRALI

globalbanking

DI TYLER DURDEN

zerohedge.com

(postato da Paul Rosenberg da Free-Man’s perspective blog)

Negli ultimi mesi mi sono passati dallo schermo molti articoli, tutti proclamavano la necessità di eliminare il contante da parte di banche e governi. Sono sicuro li avete notati anche voi.

Ci viene detto che sono i terroristi ed altri pazzi ad usare il denaro contante. Per cui per proteggerci dall’essere fatti a pezzi o dal saltare in aria nelle vie delle nostre città, i governi devono sbarazzarsene.

 

È difficile immaginarsi un modo più banale di creare allarmismo. Il contante – di uso comune da secoli, se non millenni – è diventato, improvvisamente, un portatore di morte istantanea? Dobbiamo accettare questa linea di pensiero?

Ci sono buone ragioni per le quali ci vengono propinate queste storielle. La prima è semplicemente che ce n’è la possibilità: dopo l’11 settembre, una nuova forma di accondiscendenza si è diffusa in tutto l’occidente. Potrebbe non durare per sempre, ma continua il suo corso, e se le macchine dell’intrattenimento riescono a pompare abbastanza paura nelle menti delle persone, potrebbero anche ottenere i risultati desiderati.

La seconda ragione, in ogni caso, è quella vera alla base del tutto:

I tassi d’interesse negativi

L’urgenza dell’eliminazione di uno dei capisaldi della vita quotidiana, significa che le elite al potere pensano che sia un fattore fondamentale. Sembrerebbe che le banche centrali, il FMI, la Banca Mondiale, la Bank fo International Settlements e tutti i sostenitori di questi, vedano l’eliminazione del contante come unica strategia a loro disposizione per sopravvivere.

La ragione è semplice: il contante permette alla gente di starsene alla larga dall’unica cosa che può salvare questo lacunoso sistema di valute: i tassi d’interesse negativi.

Per farla semplice, parafraserò una famosa (ed arguta) frase di Alan Greenspan, dal lontano 1966, periodo in cui si ispirava ad Ayn Rand: la politica finanziaria di uno stato in salute non deve permettere ai detentori della ricchezza di potersi difendere.

Era un’affermazione veritiera e con una piccola modifica, può spiegare l’attuale lotta contro il contante:

la salvaguardia di un sistema di valuta insolvente richiede che i detentori di valuta non abbiano la possibilità di proteggerlo.

Il contante è valuta che si può tenere tra le mani, che sopravvive per conto proprio. È fuori dal controllo delle banche. Il denaro elettronico – credito, bilanci delle banche, etc. – resta all’interno del sistema bancario ed è totalmente soggetto a controllo.

Una combo di eliminazione del contante e di tassi negativi sarebbe un modo silenzioso e definitivo di mettere in atto quanto accaduto a Cipro, dove il governo ha semplicemente spento l’interruttore, permettendo solo limitati prelievi dagli sportelli Bancomat e prelevando in maniera coatta denaro da milioni di conti bancari in una sola operazione.

Lo spettacolo cipriota è stato abbastanza diffuso e ciò ha messo in difficoltà il sistema di governo. Per cui è molto meglio che i Bancomat non esistano e che non esista nemmeno il contante. Non si rischia di vedere code di gente infuriata che discutono tra loro, ma solo perdenti isolati che si leccano le ferite mentre le teste di legno della tv dicono loro di star calmi e di guardare le luccicanti immagini trasmesse sullo schermo.

I tassi di interesse negativi garantirebbero alle banche un controllo del 100% sui vostri acquisti. Potrebbero, in caso di estrema necessità, permettervi di comprare il cibo mentre vi bloccano i conti per qualsiasi altro acquisto. Le gente comune non avrebbe possibilità di reagire e sarebbe semplicemente derubata… ma molto dolcemente e senza alcuna figura contro cui protestare.

I tassi di interesse negativi significano che il vostro conto si prosciuga giorno dopo giorno, automaticamente. 1.000$ in gennaio si trasformano in 950$ in dicembre. Dove finiscono quei soldi? Alle banche, ovviamente, ed ai governi. Drenano i vostri soldi, goccia dopo goccia, e non potete fare nulla al riguardo. In un colpo solo ottengono molti risultati:

–        Finanziano i governi, illimitatamente e automaticamente. Dimenticatevi le tasse, non ce ne sarà più bisogno.

–        Ripagano i grossi debiti delle banche (ci sono valanghe di debiti in ballo)

–        Vi obbligano a spendere tutti ciò che avete, finchè lo avete (altrimenti verrà comunque eroso dai tassi)

–        Dà al sistema controllo totale sulla vostra vita finanziaria. Tutto è monitorato, tracciato ed ogni transazione deve essere (o non essere) approvata da loro. Se decidono che non gli piaci, ti costringono istantaneamente a implorare.

In breve si tratta di un ritorno diretto al vassallaggio

fonte ; http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=16282