×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Post category:Ambiente

“Sole inaugura il suo nuovo ciclo di attività con la più grande eruzione registrata negli ultimi tre anni, scagliando nello spazio una nube di particelle. L’eruzione è stata classificata di classe M 4.4”
Il nuovo ciclo solare è stato annunciato nel settembre 2020 da Nasa e Agenzia americana per l’Atmosfera e gli oceani (Noaa). I cicli solari durano in media 11 anni e si alternano tra periodi di massima attività, durante i quali aumenta il numero delle macchie solari, e periodi di minima attività, nei quali il numero delle macchie si riduce. Con l’avvio del nuovo ciclo vi è anche il graduale aumento di fenomeni legati all’attività solare, come le eruzioni.

Sole inaugura il suo nuovo ciclo di attività con la più grande eruzione registrata negli ultimi tre anni, scagliando nello spazio una nube di particelle. L’eruzione è stata classificata di classe M 4.4 nella scala di tre livelli utilizzata per classificare questi fenomeni (C, M, X). Le eruzioni di classe M sono eruzioni di medie dimensioni e si classificano a loro volta in base

a una scala compresa da 1 a 9.

Fonte

Monitoraggio dei cicli del sole  Gli scienziati hanno appena annunciato che il nostro Sole è in un nuovo ciclo.  L’attività solare è stata relativamente bassa negli ultimi anni e ora che gli scienziati hanno confermato che il minimo solare era a dicembre 2019, è in corso un nuovo ciclo solare, il che significa che ci aspettiamo di vedere l’attività solare iniziare a crescere nei prossimi anni.

Il Sole attraversa cicli naturali, in cui la stella oscilla da relativamente calma a tempestosa. Al suo massimo attivo, chiamato massimo solare, il Sole è lentigginoso di macchie solari ei suoi poli magnetici si invertono. Al massimo solare, il campo magnetico del Sole, che guida l’attività solare, è teso e aggrovigliato. Durante il minimo solare, le macchie solari sono poche e distanti tra loro e il campo magnetico del Sole è ordinato e rilassato. Immagine  Comprendere il comportamento del Sole è una parte importante della vita nel nostro sistema solare. Le violente esplosioni del Sole possono disturbare i satelliti e i segnali di comunicazione che viaggiano intorno alla Terra o, un giorno, gli astronauti Artemis esplorano mondi lontani. Gli scienziati studiano il ciclo solare in modo da poter prevedere meglio l’attività solare.

 

rilevamento delle macchie solari è il modo più semplice per studiare come l’attività solare aumenta e diminuisce nel tempo ed è alla base di molti sforzi per monitorare il ciclo solare. In tutto il mondo, gli osservatori conducono censimenti giornalieri delle macchie solari. Disegnano il Sole alla stessa ora ogni giorno, usando gli stessi strumenti per coerenza. Insieme, le loro osservazioni costituiscono il numero internazionale di macchie solari, un compito complesso gestito dal World Data Center for the Sunspot Index and Long-term Solar Observations, presso l’Osservatorio Reale del Belgio a Bruxelles, che traccia le macchie solari e individua gli alti e i bassi di il ciclo solare. Circa 80 stazioni in tutto il mondo contribuiscono con i loro dati. Immagine      Credito: dati / immagine USET, Osservatorio reale del Belgio, Bruxelles  Altri indicatori oltre alle macchie solari possono segnalare quando il Sole sta raggiungendo il punto più basso. Nei cicli precedenti, gli scienziati hanno notato che la forza del campo magnetico del Sole vicino ai poli al minimo solare suggerisce l’intensità del massimo successivo. Quando i poli sono deboli, il picco successivo è debole e viceversa.  Un altro segnale arriva dall’esterno del sistema solare. I raggi cosmici sono frammenti di particelle ad alta energia, le macerie di stelle esplose in galassie lontane che sparano nel nostro sistema solare con un’energia sbalorditiva. Durante il massimo solare, il forte campo magnetico del Sole avvolge il nostro sistema solare in un bozzolo magnetico che è difficile per i raggi cosmici di infiltrarsi. Negli anni non di punta, il numero di raggi cosmici nel sistema solare aumenta man mano che sempre di più superano il tranquillo Sole. Tracciando i raggi cosmici sia nello spazio che sulla terra, gli scienziati hanno ancora un’altra misura del ciclo del Sole.

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

442€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 10,00€