Quando erano state lanciate, due anni fa, Adidas aveva promesso che ne avrebbe vendute un milione. E così è stato: le sneakers prodotte con la plastica raccolta nell’oceano hanno raggiunto un obiettivo che fa bene all’ambiente.

Abbiamo più volte parlato della plastica che ormai ha invaso i mari di tutto il mondo, così come della fauna marina costretta a nuotare tra i rifiuti. Ancora di quella catastrofica visione che stabilisce che nel 2050 ci sarà più plastica che pesci.

Per questo motivo, sono tante le aziende, soprattutto quelle che per anni sono state sotto accusa, che cercano di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema inquinamento. E non lo fanno con le parole, ma con i fatti, usando per i loro prodotti, plastica riciclata e raccolta proprio dagli oceani.

Nel 2016 Adidas in collaborazione con Parley for the Oceans, un’associazione ambientalista aveva lanciato l’idea di realizzare delle scarpe usando proprio la spazzatura.In pratica, le UltraBOOST Uncaged Parley questo il loro nome, sono ottenute al 95% da plastica riciclata raccolta vicino alle Maldive e per il 5% da altri materiali riciclati. Per la tomaia di un paio di sneakers sono impiegate circa 11 bottiglie di plastica. Le scarpe hanno un costo di 220 dollari e hanno un particolare design.

“Nessuno salva gli oceani da solo. Ognuno di noi può avere un ruolo nella risoluzione del problema. È compito delle industrie creative reinventare i materiali, i prodotti, i modelli di business. Il consumatore può aumentare la domanda in linea con il cambiamento”, aveva detto qualche tempo fa Cyrill Gutsch, fondatore di Parley for the Oceans.

Al di là delle grandi aziende, ognuno di noi può contribuire al cambiamento partendo proprio dalle piccole azioni quotidiane. Mentre Boyan Slat, ha già inventato un ottimo modo per ripulire i nostri oceani dalla plastica, greenMe ha lanciato la campagna #svestilafrutta, contro l’abuso degli imballaggi in plastica.

Partecipare alla campagna è molto semplice. Ogni qualvolta ti trovi davanti a un prodotto imballato in maniera assurda e senza senso (un mandarino, una banana, una zucchina etc..) scatta una foto e poi caricala sui social Facebook, Twitter, Instagram usando l’hashtag #svestilafrutta, taggando @greenMe_it e inserendo anche il nome del supermercato dove si trova la confezione.

 

Fonte: GreenMe

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

162€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€