Bisogno di normalità, fame di vita, sete di attimi di spensieratezza: è questo che vedo io in giro mentre molti di voi non fanno altro che parlare di morte, emergenza e catastrofi varie che Savonarola scansati proprio.

Gli “irresponsabili”, forse, hanno capito che la salute mentale è fondamentale per la sopravvivenza, ed per tutelare quel poco di equilibrio rimasto che, udite udite, escono di casa, vanno per negozi, cercano in giro quel che ci è rimasto di un Natale ormai ridotto a brandelli, come la nostra economia, e non per colpa del terribile virus.

Voi, moralisti e delatori, con delle esistenze evidentemente più simili ad amebe che a noi altri, continuate pure a sbandierare la vostra superiorità; continuate pure a giudicarci, sempre e comunque, anche quando stiamo solo facendo ciò che ci è stato gentilmente “concesso” da questi miracolati della politica, scappati di casa che non saprebbero amministrare nemmeno un condominio e invece governano un paese a suon di divieti e piccole licenze, permessi premio e poi ulteriori restrizioni, manco fossimo carcerati.

Noi, comunque, dei vostri pareri non richiesti, delle lezioncine ormai stantie su quel cazzo di “buon senso” che siete stati capaci di invocare in ogni dove(chissà se pure in casa vostra!?)ne abbiamo veramente abbastanza.
Voi restate a casa? Perfetto, bravi! Così, quando tutto questo sarà finito, è lì che vi verremo a prendere.

Fonte

COMMENTI:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK