in pochi conoscono la verità, tu sei pronto per comprenderla ? ;

“…e dove li trova i soldi lo Stato per…”

Lo volete sapere un segreto segretissimo? Talmente segreto che fa finta di non saperlo qualunque figura pubblica che aspiri a rimanere in vita? Ma siete sicuri?

Vabbè, io ve lo dico.

I soldi non si trovano sotto terra o nelle miniere, né crescono sugli alberi.
Nemmeno li crea il lavoro o il mercato, questi semmai gli danno un valore, ma non creano il denaro.

Il denaro lo creano le banche centrali, le quali un tempo erano di proprietà dello Stato, anzi, si può dire che lo Stato sia nato proprio per svolgere la funzione di “battere” la moneta.

“…eh, ma poi cresce l’inflazione…”

L’ inflazione non dipende da CHI crea il denaro ma da QUANTO ne stampa, se a stamparne troppo o troppo poco (anche questo è un rischio e fa male all’ economia non meno che il caso inverso) è una Banca Centrale privata o una pubblica non fa differenza se non per una, se permettete non piccolissima: il debito.

Se lo Stato stampa soldi non crea debito, o meglio, lo crea, ma con sé stesso, ed il “debito” sarà solo la parola usata per descrivere la ricchezza dei cittadini.
Se invece è una banca privata a stampare soldi invece si crea comunque un debito, ma dei cittadini (o dello Stato) verso chi ha stampato quei soldi, e con il passare del tempo questo debito supera SEMPRE la capacità dei cittadini (o dello Stato) di poterlo ripagare, ed allora si potrà svendere tutto quello che si ha, si potrà rinunciare ai propri diritti o a tutti i propri averi, si potrà tagliare tutto il tagliabile ed anche il non tagliabile, il risultato sarà solo aumentare la povertà generalizzata, MA SENZA INTACCARE IL DEBITO, che continuerà ad esserci sempre, e sempre in crescita, e lo Stato sempre più soggetto al ricatto di coloro che possiedono le banche centrali private che posseggono il debito.

Questo è il sistema democratico tanto caro all’ occidente e che esportiamo con la guerra: ovunque c’è una banca centrale pubblica là arrivano le nostre bombe ed al suo posto arriva una banca centrale privata.
Credete che sia un caso se crisi dopo crisi, guerra dopo guerra, tragedia dopo tragedia, democrazia esportata dopo democrazia esportata, una ristrettissima elité si appropria di una sempre maggiore quantità di ricchezza mondiale?

“Dire che uno Stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri.”
Ezra Pound

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

137€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€