×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Categoria dell'articolo:Economia

Di Francesco Neri :  una nota tecnica per i non esperti di moneta e macroeconomia.

Gli esperti si stanno già sbellicando.  Allora: Putin, alla luce delle sanzioni, ha chiesto che il gas gli venga pagato in rubli.  “Ma… come ? i rubli li può creare lui, dal nulla, stampandoli in quantità illimitata, perché mai dovrebbe farseli dare da noi o da chiunque a fronte di una materia prima ora preziosa più che mai ?”  — questo potrebbe chiedere un incompetente —  La mossa è invece geniale, e quasi obbligatoria al contempo.

Obbligatoria – Con le sanzioni Usa, UK, Canada, Australia, New Zeland e poi Giappone, Italia, Francia, Germania, Spagna, Paesi Baltici ecc.ecc hanno detto alla Russia: non ti vendiamo più nulla e ti blocchiamo i conti. Una azienda russa è stata dichiarata fallita perchè non hanno accettato il pagamento della rata da 123 milioni del suo debito.

E allora la Russia perché mai dovrebbe accettare Dollari o Euro che poi noi non accettiamo ? Non ha senso.  Geniale, perché costringe gli acquirenti dei suoi prodotti, cioè TUTTE le nazioni del mondo a mettersi in giro a cercare rubli.  E non c’è solo il gas in ballo, ma c’è anche petrolio, fosfati,  concime, la canapa,il grano, palladio, nichel, alluminio, rame, oro, carbone.

Quindi costringono TUTTE le nazioni del mondo, per dritto o per rovescio, a vendere merce alla Russia. ECCOME. Altro che sanzioni.  Come effetto secondario, ma primo in assoluto come importanza geo strategica, il dollaro perde il suo ruolo di moneta del mondo.  Gli americani sono trent’anni che consumano il triplo di quello che producono.

Come fanno ? Stampano dollari e pagano con foglietti tutto quello che serve loro, sprecando l’ira di Dio e finanziando così un esercito da 900 basi nel mondo e due miliardi al giorno di spesa. Esercito pronto per chi non vuole cedere quello che loro vogliono.   Con i Sauditi che accettano da ora Yuan contro petrolio il petroldollaro globale è morto e con esso anche la possibilità degli americani di vivere alle spalle del pianeta.  Ora dovranno sudarsi come tutti, quello che consumano e sprecano. Quando dico americani ovviamente intendo l’élite bianca Usa, non certo i 43 milioni di poveri.   Questa è cosa epocale.  Dopo 222 anni di guerra su 239 di esistenza, il secolo del popolo più bellicoso della Storia, il secolo americano finisce qui.

Fonte Francesco neri

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione libera e indipendente

1.105€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 20,00€

l’articolo continua dopo il testo — Abbiamo bisogno del vostro sostegno per continuare a fare controinformazione, abbiamo bisogno di voi: Nell’arco degli anni Rassegna stampa,  una redazione composta da un giornalista freelance editore libero e un super grafico , hanno diffuso più di 3237 articoli di controinformazione , 258 video reportage , riunito più di 2470 iscritti al canale YouTube, 11.200 iscritti alla pagina ufficiale di Rassegna stampa, 4250 iscritti al gruppo collegato, 124.000 iscritti al gruppo italexit su fb (che ora rischia la chiusura), 1 milione e mezzo di utenti attivi nel sito…
Tutto questo in 10 anni di lotte per la libertà e la giustizia  senza timore delle conseguenze . Perchè chiediamo il vostro sostegno?  Perché l’impegno personale che mettiamo non è più sufficiente, perché i costi  aumentano , perché oggi abbiamo bisogno di un informazione diversa, pulita, vera, fatta con il cuore, senza doppi fini e abbiamo bisogno che questa informazione sia costante, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Non abbiamo la pretesa di essere i migliori e sappiamo bene che non siamo gli unici…  ma sicuramente una cosa possiamo  garantirla :  siamo i più coerenti, passionali, genuini e empatici che ci sono in circolazione e se ritieni che questo possa bastare,  aiutaci e sostieni la nostra lotta contro i poteri forti. Una piccola donazione per te può sembrare poco ma per noi è molto, sopratutto oggi, sopratutto adesso—

Seguici su Telegram  https://t.me/RassegnaStampa2Punto0