×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Categoria dell'articolo:Estero

Kiev ha detto che Denis Kireev, un agente segreto in missione dal ministero della Difesa ucraino, è morto. Rapporti precedenti hanno affermato che un uomo con lo stesso nome è stato ucciso dai servizi segreti ucraini come sospetto traditore.  La direzione principale dell’intelligence ucraina ha detto sabato che Kireev era tra i tre agenti uccisi in servizio. “Sono morti, proteggendo l’Ucraina”, ha scritto l’agenzia di intelligence militare sui social media, senza elaborare.   La notizia della morte di Kireev ha causato una certa confusione dopo che i media ucraini avevano inizialmente riferito che il servizio di sicurezza interno del paese, l’SBU, credeva fortemente che Kireev fosse una spia e lo aveva ucciso durante un apparente tentativo di arresto.    Il giornale Ukrayinska Pravda ha citato fonti secondo cui gli agenti dell’SBU avevano prove “chiare” di alto tradimento e avevano intercettato il telefono di Kireev. Tuttavia, altri rapporti hanno sostenuto che l’SBU non era coinvolto nella morte dell’uomo, e che qualcuno voleva incastrare l’agenzia. L’SBU non ha commentato la questione.

 

A Roma è nato un nuovo film che si chiamaKireev era, secondo quanto riferito, un membro del team di negoziazione dell’Ucraina durante i colloqui di pace con la Russia in Bielorussia lunedì. Anche se non era nella lista ufficiale dei negoziatori rilasciata da Kiev, i media ucraini hanno affermato che è stato fotografato seduto accanto ad altri negoziatori al tavolo con i russi.   Kireev è stato descritto come un ex finanziere e gestore di fondi di private equity, che in passato ha ricoperto una posizione di alto livello presso la Cassa di risparmio statale dell’Ucraina.   La Russia ha invaso l’Ucraina la scorsa settimana, sostenendo che stava difendendo le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, che si sono staccate da Kiev poco dopo il colpo di stato del 2014. Mosca ha detto che ha cercato la “smilitarizzazione e la denazificazione” del paese, senza elaborare, ma ha chiarito che vuole che l’Ucraina diventi ufficialmente un paese neutrale, rinunciando al suo tentativo di entrare nella NATO.   Kiev ha detto che l’attacco non è stato provocato e ha fatto appello alla comunità internazionale per un aiuto, accusando la Russia di aggressione.  Il prossimo round di colloqui di pace è previsto per lunedì, secondo l’Ucraina.

Fonte

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione libera e indipendente

1.105€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 20,00€

l’articolo continua dopo il testo — Abbiamo bisogno del vostro sostegno per continuare a fare controinformazione, abbiamo bisogno di voi: Nell’arco degli anni Rassegna stampa,  una redazione composta da un giornalista freelance editore libero e un super grafico , hanno diffuso più di 3237 articoli di controinformazione , 258 video reportage , riunito più di 2470 iscritti al canale YouTube, 11.200 iscritti alla pagina ufficiale di Rassegna stampa, 4250 iscritti al gruppo collegato, 124.000 iscritti al gruppo italexit su fb (che ora rischia la chiusura), 1 milione e mezzo di utenti attivi nel sito…
Tutto questo in 10 anni di lotte per la libertà e la giustizia  senza timore delle conseguenze . Perchè chiediamo il vostro sostegno?  Perché l’impegno personale che mettiamo non è più sufficiente, perché i costi  aumentano , perché oggi abbiamo bisogno di un informazione diversa, pulita, vera, fatta con il cuore, senza doppi fini e abbiamo bisogno che questa informazione sia costante, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Non abbiamo la pretesa di essere i migliori e sappiamo bene che non siamo gli unici…  ma sicuramente una cosa possiamo  garantirla :  siamo i più coerenti, passionali, genuini e empatici che ci sono in circolazione e se ritieni che questo possa bastare,  aiutaci e sostieni la nostra lotta contro i poteri forti. Una piccola donazione per te può sembrare poco ma per noi è molto, sopratutto oggi, sopratutto adesso—

Seguici su Telegram  https://t.me/RassegnaStampa2Punto0