6 aprile 2020, alcuni tabloid inglesi, il corriere della sera e libero ripropongono una tesi definita dal governo come Fake news : ” in Gran Bretagna il governo parla di un pandemia causata da una fuga da laboratorio. “Non possiamo escludere del tutto che la pandemia sia partita per un errore compiuto in un laboratorio di Wuhan”, “Nonostante la gran parte degli scienziati continui a dire che il nuovo Coronavirus abbia un’origine naturale e sia stato trasmesso per la prima volta all’uomo da un mercato di animali vivi a Wuhan”, la fuga “non è campata in aria”

A raccontarlo sarebbe un membro del Cobra, il comitato di emergenza guidato da Boris Johnson, che riceve informazioni dettagliate direttamente dai servizi di sicurezza d’oltremanica:

“Esiste una visione alternativa credibile sulla natura del virus. Forse non è un caso che quel laboratorio sia proprio a Wuhan. Non è così scontata come coincidenza”, ha dichiarato. Ma non solo, perché secondo la fonte sono stati diversi i lavoratori dell’Istituto di Wuhan risultati contagiati dopo essere entrati in contatto col sangue di animali infetti. Un dettaglio che fa ricredere sulla diffusione del Covid-19.

Fonte

Sempre il 6 aprile 2020, la rivista express Conferma che il virus “potrebbe” essere stato diffuso nel mercato cinese, ma allo stesso tempo dichiara che potrebbe essere stato portato da fuori qualche mese prima della sua chiusura, riportiamo :

“Uno studio condotto da un team di scienziati cinesi indica che il coronavirus non ha avuto origine in un mercato ittico nella città di Wuhan, nella Cina centrale, come ampiamente riportato.”

 

Sempre secondo il tabloid inglese  la grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2) è stata importata altrove, secondo quanto riferito da ricercatori del Xishuangbanna Tropical Botanical Garden dell’Accademia cinese delle scienze e dell’Istituto cinese di ricerca sul cervello.

Il mercato affollato ha quindi potenziato la circolazione della SARS-CoV-2 e l’ha diffusa in tutta la città  Dott. Yu Wenbin  Il team, guidato dal dott. Yu Wenbin, ha sequenziato i dati genomici di 93 campioni SARS-CoV-2 forniti da 12 paesi nel tentativo di cercare la fonte dell’infezione e capire come si diffonde.  Scoprirono che mentre il virus si era diffuso rapidamente all’interno del mercato all’ingrosso dei frutti di mare di Huanan a Wuhan, c’erano state anche due importanti espansioni nella popolazione, l’8 dicembre e il 6 gennaio.   Secondo lo studio, pubblicato sul sito web dell’istituto a febbraio, l’analisi indica che il coronavirus è stato effettivamente introdotto dall’esterno del mercato.

Fonte

OOra, anche se di sicurezze ne abbiamo poche, quello che vogliamo precisare è questo : se il virus è una novità assoluta, ha mutato più volte, esistono un centinaio di ceppi Simili ma diversi, se ha wuhan esiste un laboratorio che manipola i virus per studiarli, come si può affermare senza ombra di dubbio che il covid-19 non sia stato un errore fatto dall’uomo?

Se il governo italiano ha ora mai scelto questa linea ferrea, come potrà mai tornare sui suoi passi smentendo se stesso?

È ovvio che non potrà mai farlo, quindi é molto probabile che la linea della Fake news resisterà ad oltranza…

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

162€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€