L’UE è sul punto di rafforzare una presenza di “sicurezza” in un nuovo fronte di guerra straniera contro l’ISIS, questa volta in Mozambico. Perché questo è il vero prezzo dello sviluppo in Africa. È anche un nuovo paradigma per le guerre straniere.
L’Unione Europea ha annunciato questa settimana il suo impegno a fornire “assistenza per la sicurezza” contro un’insurrezione sostenuta dall’ISIS in Mozambico. Ma cosa significhi esattamente non è chiaro .Secondo quanto riferito, l’Europa ha rifiutato di impegnare truppe dai suoi Stati membri, ma ha accettato di inviare personale nella zona del conflitto per fornire “logistica per l’addestramento e l’addestramento tecnico in diverse aree specifiche, nonché assistenza nell’affrontare le sfide umanitarie, compresi i servizi medici”.

Abbiamo già sentito questa lingua ovunque, dalla Siria allo Yemen – questa idea di consiglieri militari diretti in paesi stranieri solo per insegnare apparentemente all’esercito locale come fare flessioni e distribuire sacchi di riso, cerotti e aspirina. Al massimo, dovremmo credere che stiano insegnando alla gente del posto a sparare più dritti, ma in realtà non sono responsabili di tirare i grilletti stessi.

.

Sorgente: EU agrees to ‘assist’ Mozambique in tackling ISIS. Here’s what it REALLY means & what role multinationals play in covert warfare — RT Op-ed

COMMENTI:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK