Nella città taiwanese di Taoyuan, un impianto della casa farmaceutica SCI Pharmtech è stato devastato da un’esplosione che ha ucciso un lavoratore filippino. L’incendio ha provocato danni per 800 milioni di nuovi dollari taiwanesi, pari a più di 23 milioni di euro. La fabbrica, che impiega 270 operai, è il secondo fornitore mondiale del principio attivo dell’idrossiclorochina, il farmaco antimalarico da mesi al centro del dibattito scientifico per la sua capacità di contribuire alla guarigione dal Covid 19.

Fonte

COMMENTI:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK