Loading...
POLITICA
Azioni

In Italia, per condannare chi coltiva cannabis a casa propria, bisogna provare che la pianta ha una capacità drogante effettiva e attuale. Non basta, infatti, dimostrare la potenziale lesività della coltivazione ma si deve vedere se è in grado in concreto di mettere in pericolo la salute pubblica. A dirlo è la Corte di Cassazione, che si è così espressa nel trattare il caso di un imputato trovato a detenere illegalmente 9 piantine di cannabis indica. I Supremi Giudici hanno annullato e rinviato la sentenza di condanna ad altra sezione della Corte d’Appello di Cagliari, con la raccomandazione di valutare attentamente l’offensività dello stupefacente in base alla quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza, e non alla “semplice conformità della pianta al tipo botanico previsto e la sua attitudine a giungere a maturazione e a produrre la sostanza stupefacente

 

 

 

http://www.west-info.eu/it/quando-la-coltivazione-domestica-di-cannabis-non-e-reato/?utm_source=FB&utm_campaign=annie&utm_medium=facebook

Azioni

COMMENTI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RASSEGNA STAMPA 2.0:

Rassegna Stampa 2.0 offre ai lettori un punto di vista alternativo, esaltando particolari importanti che sfuggono alla lente d'ingrandimento dell'informazione, dando spazio a quelle voci ribelli, che hanno questa brutta abitudine di scrivere ciò che pensano, offrendo a tutti loro la possibilità di avere un tavolino personale dove poter salire per esprimersi con un megafono e uno spazio che gli permetta magari di essere indicizzati da google, riteniamo giusto collaborare con siti non molto conosciuti, dove tante persone ogni giorno svolgono un lavoro enorme nel cercare, verificare e pubblicare notizie su temi scottanti, citando sempre le fonti e confezionando il tutto con foto.

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!" Dr. Seuss

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK