Questi cementi possono andare incontro a vari fenomeni di degradazione tra cui la corrosione dei metalli che contengono in forma particolata. E possono rilasciare i vari component della miscela, ceneri comprese, anche in ambiente domestico, visto che con questo cemento si costruiscono non solo ponti e cavalcavia ma anche le nostre case.

 

Credo sia comprensibile da chiunque: inalare polveri tossiche non è salutare. Insomma, non c’è solo il vistoso e a volte tragico sgretolamento: con quella roba si devono valutare le possibilità di effetti molto più sottili e, alla lunga, senza teatralità, potenzialmente letali.

 

Da anni è stata codificata ufficialmente una malattia chiamata “sick-building syndrome”, il che, tradotto, significa sindrome da edificio malato. Sì: i nostri mobili sono trattati con formaldeide cancerogena, le vernici contengono solventi tossici, usiamo deodoranti per ambienti non proprio sani, siamo immersi in campi elettromagnetici… Ma c’è anche il cemento.

 

Chi vive in quelle abitazioni si ammala e non sempre il medico riesce a fare una diagnosi corretta. Vengono prescritti farmaci per tacitare i sintomi, ma nella migliore delle ipotesi questi di limitano a mitigare e a nascondere i sintomi senza andare alla radice del problema. Non

 

 

 

Sorgente: Il moderno cemento? Tossico, oltre che fragile

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

137€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€