(ANSA)

Quella del Consiglio superiore di Sanità (Css), che chiede di vietare la vendita della cannabis light, è “una conclusione un po’ forte, visto che si tratta di un principio di precauzione e comunque di una quantità di sostanza attiva molto bassa”. Il neoministro della Salute Giulia Grillo, intervistata da Stampa, getta acqua sul fuoco acceso “da un organo comunque consultivo, dato che poi le decisioni le prende il Governo”. E tra le decisioni, assicura, al momento “non c’è la chiusura dei canapa shop, casomai una loro regolamentazione”. “Sui numerosi campioni testati nei laboratori, solo in sei casi sono risultati valori in combinazione di Thc compresi tra lo 0,2 e lo 0,6%, che sono comunque limiti consentiti dalla legge”, spiega Grillo, secondo cui “la conclusione di chiedere il divieto di vendita sarà tutta da valutare alla luce di reali prove di nocività. Agli italiani che ieri hanno letto un po’ di notizie allarmistiche dico comunque di stare tranquilli”. Il divieto, ribadisce, “non è in discussione. Casomai sarà necessaria una regolamentazione del settore. Lo dico anche ai tanti cittadini che mi hanno inviato mail allarmate e che dopo aver investito in un’attività dichiarata legale da una legge del 2016 non possono ora pagare il prezzo per una mancata regolamentazione”. Per il ministro M5S occorrerà inserire un divieto i vendita ai minori, “come è stato fatto per alcol e fumo di sigarette”. Sulla possibilità che nei negozi sia venduta anche marijuana non light, “i controlli sono fondamentali. Penso di potenziare il corpo specializzato dei Nas per creare una task force dedicata al controllo dei punti vendita”.

Grillo, intervistata anche dal Mattino, non esclude un nuovo commissario straordinario per la Campania “C’è un corposo dossier sul tavolo del ministero lasciato dalla precedente legislatura, il caso è all’esame. I dati – rileva – parlano chiaro: la Campania è ultima per livelli essenziali di assistenza. Ci sarà, dunque, grande attenzione per eliminare le disuguaglianze lì dove sono più forti e ingiuste e ledono i diritti sanciti dalla Costituzione”.

 

 

Sorgente: Cannabis: Grillo, da Css conclusione forzata, no a divieti – Salute & Benessere

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

162€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€