Di seguito le principali novità, che riguardano prevalentemente il settore del florovivaismo:
•Viene ribadita l’assenza di conseguenze penali per l’agricoltore la cui coltivazione superi il limite dello 0,2% di THC, fino allo 0,6%
•Viene consentita la riproduzione di piante di canapa esclusivamente da seme certificato
•Non è contemplata la riproduzione per via agamica (talea) di materiale destinato alla produzione per successiva commercializzazione di prodotti da essa derivati
•Così come l’agricoltore, anche il vivaista deve conservare il cartellino delle sementi acquistate per non meno di 12 mesi
•La vendita delle piante è consentita senza autorizzazione
•Le importazioni di piante di canapa da altri paesi non rientrano nell’ambito di applicazione della legge n. 242, ma devono comunque rispettare la normativa dell’Unione Europea in materia

Infine, con grande enfasi da parte del settore, si legittima la produzione di infiorescenze, citandole per la prima volta in un testo ufficiale, sostenendo che esse:

“rientrano nell’ambito […] delle coltivazioni destinate al florovivaismo, purché tali prodotti derivino da una delle varietà ammesse, iscritte nel Catalogo comune delle varietà delle specie di piante agricole […] e sempre che il prodotto non contenga sostanze dichiarate dannose per la salute dalle Istituzioni competenti”

Abbiamo chiesto un parere sulla Circolare Ministeriale n. 5059 all’Avvocato Alberto Fortino, penalista fondatore dello Studio Legale Legent, nome noto nell’ambiente della giurisprudenza capitolina.

 

continua qui

Sorgente: Circolare n.5059 sull’applicazione della legge 242/2016: il parere dell’Avv. Alberto Fortino • Cannapa

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

137€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€