entro la fine del 2017 partiranno i test su formule e abbonamenti, in collaborazione con 10 partner editoriali di livello mondiale.

In Italia contrastarne la diffusione sarà presto più facile e immediato, promette la compagnia, attraverso nuove modalità di segnalazione delle bufale. Ma al momento non è stato ancora individuato il partner italiano cui affidare la verifica delle notizie

 

COMMENTI:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK