Loading...
POLITICA

Harvard sui vaccini: i bambini non vaccinati presentano rischio zero

Visto il tema “scottante” del momento , pubblichiamo un articolo di un ricercatore di Harvard sui vaccini:

Studi di epidemie di morbillo in Quebec, Canada e in Cina attestano che i focolai di morbillo si verificano ancora, anche quando la conformità alla vaccinazione è nella massima fascia (95-97% o addirittura 99%). Ciò è dovuto al fatto che anche nei pazienti con risposta elevata al vaccino, gli anticorpi indotti dal vaccino sono diminuiti nel tempo. L’immunità del vaccino non è uguale all’immunità di vita acquisita dopo l’esposizione naturale a questa malattia.

E’ stato documentato che le persone pur vaccinate che sviluppano morbillo sono poi contagiose. Infatti, due focolai di morbillo importanti nel 2011 (in Quebec, Canada e New York, NY) sono stati reintrodotti da individui precedentemente vaccinati.

Considerati insieme, questi dati rendono evidente che l’eliminazione delle esenzioni vaccinali, attualmente solo utilizzata da una piccola percentuale di famiglie, non risolverà né il problema della rinascita delle malattie, né impedisce la reimportazione e l’esplosione di malattie precedentemente eliminate.

 

Sorgente: Harvard sui vaccini: i bambini non vaccinati presentano rischio zero

RASSEGNA STAMPA 2.0:

Rassegna Stampa 2.0 offre ai lettori un punto di vista alternativo, esaltando particolari importanti che sfuggono alla lente d'ingrandimento dell'informazione, dando spazio a quelle voci ribelli, che hanno questa brutta abitudine di scrivere ciò che pensano, offrendo a tutti loro la possibilità di avere un tavolino personale dove poter salire per esprimersi con un megafono e uno spazio che gli permetta magari di essere indicizzati da google, riteniamo giusto collaborare con siti non molto conosciuti, dove tante persone ogni giorno svolgono un lavoro enorme nel cercare, verificare e pubblicare notizie su temi scottanti, citando sempre le fonti e confezionando il tutto con foto.

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!" Dr. Seuss