Loading...
POLITICA

I veleni del poligono. Militari e cittadini malati, una terribile verità – ControInformo

Azioni

hqdefault-13

 

 

 

I pastori morti e gli animali deformi

Si ammalano e muoiono i pastori che, indisturbati, hanno sempre pascolato le loro greggi all’interno delle aree del poligono a mare (2 mila ettari a Capo San Lorenzo sulla costa, altri 12 mila sull’altopiano di Perdasdefogu). E così anche la gente dei paesi vicini che in quelle colline di cisto e corbezzolo, ha passeggiato, raccolto funghi, vissuto. Vittime silenziose sono anche i molti militari che lì manipolano armamenti da guerra, partecipano o assistono alle attività belliche con ordigni provenienti da mezzo mondo. Quelli che esplodendo spargono metalli pesanti e nanoparticelle. L’ultimo militare se n’è andato ai primi di giugno di quest’anno: si chiamava Tullio Depau, era un aviere di 43 anni e viveva a Villaputzu, il paese più prossimo al posto di lavoro.

Responsabile è l’uranio impoverito, si pensa ma si attendono conferme ufficiali, ma anche il torio trovato nel latte delle bestie e nelle ossa dei pastori morti. Metalli letali che provocano malattie

 

 

Sorgente: I veleni del poligono. Militari e cittadini malati, una terribile verità – ControInformo

Azioni

COMMENTI:

RASSEGNA STAMPA 2.0:

Rassegna Stampa 2.0 offre ai lettori un punto di vista alternativo, esaltando particolari importanti che sfuggono alla lente d'ingrandimento dell'informazione, dando spazio a quelle voci ribelli, che hanno questa brutta abitudine di scrivere ciò che pensano, offrendo a tutti loro la possibilità di avere un tavolino personale dove poter salire per esprimersi con un megafono e uno spazio che gli permetta magari di essere indicizzati da google, riteniamo giusto collaborare con siti non molto conosciuti, dove tante persone ogni giorno svolgono un lavoro enorme nel cercare, verificare e pubblicare notizie su temi scottanti, citando sempre le fonti e confezionando il tutto con foto.

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!" Dr. Seuss

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK