Le navi che NON hanno il permesso di attraccare e vengono bloccate dalla marina, possono commettere dei reati per entrare in porto solo se stanno salvando delle vite e i loro capitani Non devono essere arrestati…?

Questo è il succo della sentenza di cassazione nei confronti di Rackete:

“… La Rackete fu fermata il 29 giugno a Lampedusa dopo aver forzato il posto di blocco della Guardia di finanza che pure le aveva ripetutamente intimato l’alt. La motovedetta delle Fiamme Gialle venne urtata dalla “Sea Watch” durante la manovra d’attracco in piena notte. Il gip, però, ritenne che il reato fosse stato giustificato da una «scriminante», l’aver agito «nell’adempimento di un dovere», quello di salvare vite umane in mare. E revocò gli arresti domiciliari.  «La Corte ha confermato che non mi avrebbero dovuto arrestare per aver salvato delle vite – l’esultanza della Rackete su Twitter, dopo aver ringraziato per l’impegno profuso gli avvocati Alessandro Gamberini e Leonardo Marino e l’amica Giorgia Linardi di Sea Watch Italia – Ma nessuno dovrebbe esser perseguito per aver aiutato delle persone in difficoltà, questo è un verdetto molto importante per tutti gli operatori umanitari. Ora va riformata subito la direttiva Ue sui crimini di solidarietà…»

Fonte

 

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

162€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€