La legge “anti-Soros” adottata dal governo ungherese è contraria al diritto dell’Unione europea. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia dell’Ue, accogliendo il ricorso presentato dalla Commissione europea contro il provvedimento che modifica le condizioni in base alle quali scuole e università straniere possono esercitare la loro attività in Ungheria, introducendo nuovi e più stringenti requisiti. Si tratta di una norma che aveva preso di mira la Central European University, fondata da George Soros, per impedirle di continuare a operare nel territorio nazionale. Nel 2018 l’istituto aveva spostato parte delle sue attività a Vienna.

Fonte

 

COMMENTI:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK