“Parte finalmente l’iter della nostra proposta di legge, si legge su un comunicato stampa, che prevede l’inserimento dell’educazione all’affettività,  secondarie di primo grado e del biennio delle scuole secondarie di secondo grado. L’Italia è uno dei Paesi più arretrati d’Europa in materia di diritti civili e, ancora oggi, manca nel nostro ordinamento giuridico il reato di omofobia che tuteli i cittadini vittime di questa forma di violenza fisica e psicologica. Ma le sanzioni non sarebbero comunque sufficienti: è necessaria in primis una rivoluzione culturale che abbatta i pregiudizi e questo processo non può che partire dalle scuole e dalle università, i luoghi nei quali si formano i cittadini di domani”.
“Secondo Anddos, proseguono i pentastellati, ovvero l’Associazione nazionale contro le discriminazioni da orientamento sessuale, in Italia oltre il 90% delle persone omosessuali si è sentita discriminata almeno una volta nella vita. Una vera emergenza che in alcuni casi produce effetti drammatici: non sono sporadici i casi di giovani omosessuali che si tolgono la vita perché si sentono discriminati in base al proprio orientamento sessuale. Discriminazioni che spesso si riscontrano già in ambito scolastico e universitario. Inoltre, nonostante l’introduzione del reato di femminicidio, la cronaca ci dice che le violenze sulle donne sono in costante aumento. La politica da anni riconosce la necessità di agire sull’inasprimento delle pene e attraverso la prevenzione della violenza ma, come dimostrano i dati, questo non è sufficiente: il M5S ritiene prioritario agire culturalmente: chiediamo dunque che il ministero dell’Istruzione introduca l’educazione all’affettività e alla sessualità consapevole nei programmi di tutte le scuole”.

Sorgente: M5S, a scuola corsi su affettività, sessualità consapevole e parità di genere

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

137€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€