Loading...
POLITICA

M5S : col nuovo codice etico, dimentica il giustizialismo.

Azioni

 

Non basta un avviso di garanzia per chiedere la testa di un politico. È un principio civile di garantismo, troppo spesso dimenticato, che il Movimento 5 stelle sembra aver scoperto solo all’inizio del 2017, più di sette anni dopo la sua nascita e nel pieno della bufera che ha coinvolto il Comune di Roma e l’amministrazione di Virginia Raggi, con l’arresto dell’ex vice capo di Gabinetto Raffaele Marra e l’avviso di garanzia all’ex assessora all’Ambiente Paola Muraro. Per tutti i rappresentanti pentastellati resta l’obbligo di comunicare immediatamente la ricezione dell’avviso, ma la stessa non comporta «alcuna automatica valutazione di gravità dei comportamenti».

«VALUTARE CASO PER CASO»

FONTE

Azioni

COMMENTI:

RASSEGNA STAMPA 2.0:

Rassegna Stampa 2.0 offre ai lettori un punto di vista alternativo, esaltando particolari importanti che sfuggono alla lente d'ingrandimento dell'informazione, dando spazio a quelle voci ribelli, che hanno questa brutta abitudine di scrivere ciò che pensano, offrendo a tutti loro la possibilità di avere un tavolino personale dove poter salire per esprimersi con un megafono e uno spazio che gli permetta magari di essere indicizzati da google, riteniamo giusto collaborare con siti non molto conosciuti, dove tante persone ogni giorno svolgono un lavoro enorme nel cercare, verificare e pubblicare notizie su temi scottanti, citando sempre le fonti e confezionando il tutto con foto.

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!" Dr. Seuss

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK