RICORDANDO LA STORIA…

 

 

MAFIA SANITARIA
•del Professor Paolo De Bernardi

Corsi e ricorsi storici:

RICORDANDO LA STORIA CHE INSEGNA

Nel 1979, quando Tina Anselmi è ministro della Sanità, decide il ritiro dal mercato di migliaia di farmaci che una commissione tecnica ha appena giudicato inutili o addirittura pericolosi.

Da lì a poco, viene avvicinata da un esponente delle industrie farmaceutiche che le offre 35 miliardi di lire in valuta straniera presso una banca svizzera di sua scelta, affinché ritiri quel provvedimento.

Il mattino dopo, la Anselmi rende pubblico questo tentativo di corruzione. Trascorsi pochi giorni, la sua auto salta in aria. Per pura coincidenza e per pochi attimi di ritardo, la senatrice democristiana si salva.

 

nota aggiuntiva;

 

23 dicembre del 1978  nasce il Servizio sanitario nazionale (Ssn)  , tina Anselmi era il ministro della sanità .

Tina Anselmi, intervistata da “Il Sole 24 ore Sanità” nel dicembre 2003.

Alla domanda :”dopo tante speranze, oggi cosa possiamo dire che non è stato realizzato e che lascia insoddisfatti?”, rispondeva: “non è stato realizzato e non si sta realizzando il fondamento della Riforma: non c’è partecipazione e non c’è un sistema di controlli che permetta al cittadino, come singolo o come raggruppamento sociale, di vigilare. Non c’è spinta in questa direzione. Dobbiamo stare attenti a non tornare a una politica privatistica ma a volere con intelligenza e con prudenza recuperare le motivazioni e gli obiettivi che c’eravamo posti come politica sanitaria del paese.”
La legge di riforma sanitaria fu in seguito molto criticata in quanto legge “ideologica”, poco attinente alla realtà…
Una riforma che dette fastidio a molti … (come del resto la legge 180 di riforma dei manicomi, la cosiddetta legge Basaglia)
http://lostraniero.net/sanita-e-corruzione-che-fare/

 

Governo 1978 : Andreotti , ministro sanità : tina Anselmi
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Governo_Andreotti_IV

Sorgente: MAFIA SANITARIA

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

162€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€