×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Post category:Politica

C’è un presidente del Consiglio che il giorno delle ultime elezioni era un completo sconosciuto, scelto dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega proprio in quanto completo sconosciuto per fare il capo del governo più euroscettico della storia della Repubblica.

(LA TUA DONAZIONE È IL TUO NO ALLA CENSURA https://www.rassegnastampa.eu/articoli-in-evidenza/sostegno-alla-controinformazione-italiana-libera-e-indipendente/ )

Il suddetto presidente chiese e ottenne la fiducia sostenendo in Parlamento che sovranismo e populismo siano buoni e giusti al punto da essere scritti nella Costituzione italiana: una bestemmia. Quando quell’alleanza finì, il suddetto presidente restò capo del governo: ma di un governo diverso e sostenuto da partiti diversi, stavolta Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, che fino al giorno prima si consideravano reciprocamente mafiosi, pedofili, analfabeti, complottisti, e giuravano che mai e poi mai si sarebbero alleati (uno di questi diceva proprio di non volersi alleare con nessuno: poi in due anni si è alleato con Salvini, Zingaretti, Renzi, Tabacci e D’Alema, e ora sta facendo la corte a Mastella).  Oggi che anche quell’alleanza è arrivata al capolinea, tra l’altro senza aver messo mano alle principali eredità politiche dell’alleanza precedente, il suddetto presidente del Consiglio – che intanto è passato a definire «imprescindibile» la propria «vocazione europeista» e presentarsi come l’ultimo baluardo contro «le derive nazionaliste e le logiche sovraniste», perché il mestiere richiede una certa faccia tosta – sta cercando di guidare un terzo governo sostenuto da una terza diversa alleanza, stavolta messa insieme raccogliendo un eterogeneo e improvvisato gruppo di senatori con un’operazione che sia il Partito Democratico che il Movimento 5 Stelle in passato avrebbero chiamato «mercato delle vacche» o «compravendita». Ma attenzione, perché l’ennesimo gruppo parlamentare composto da personaggi imbarazzanti e scappati-di-casa alla fine potrebbe anche non essere necessario: ci sono ottime possibilità che il nuovo governo alla fine sarà sostenuto dalla stessa maggioranza parlamentare del vecchio governo. I veti reciproci espressi perentoriamente qualche giorno fa, infatti, sono già stati superati: quando vale tutto, tutto vale niente. Il paese ha bisogno di risposte, è vero: ma chi dovrebbe dargliele? Facciamo che ci chiamate quando avete finito, dai.

Fonte : https://www.francescocosta.net/2021/02/01/chiamateci-quando-avete-finito/?fbclid=IwAR2Z3zC1e0aTyA2dd0R4G2UpzH_1Uh1sRNUYGFNrgfuw-VmsQnW17wgAOYQ

 

Francesco Costa è giornalista e vicedirettore del Post

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

406€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 10,00€