“quella donna vuole sapere cosa sia realmente successo a quel bambino durante una gestazione che non aveva dato alcun problema. Sarà anche l’autopsia  – disposta dal Pm Vincenzo Ferrigno –  a stabilire le cause di quanto avvenuto. Nel frattempo lo stesso magistrato ha disposto il sequestro del feto. Sembra che quasi un mese fa, 21 aprile,  la donna – dopo aver fatto una visita al consultorio di Foligno –  avesse fatto un vaccino contro la pertosse, la difterite e il tetano. Dopo poco avrebbe iniziato ad accusare dolore al braccio e malessere. Dolori che che aumentano nei giorni successivi. Il 27 aprile scorso va al pronto soccorso di Foligno ma per il bimbo di otto mesi non c’ è più nulla da fare. Ora sarà la Procura di Spoleto a stabilire le cause del decesso”

Fonte

 

COMMENTI:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK