Loading...
POLITICA

Reato di Tortura: l’Italia non lo vuole introdurre per colpa delle indagini ?

Azioni

Tra dire e fare il passo è spesso molto lungo, specialmente se quel passo viene compiuto in Italia. Il 19 Luglio, a ben 15 anni dai tragici fatti del G8 di Genova e dal massacro alla scuola Diaz, il Senato ha sospeso ancora una volta la discussione sul disegno di legge che introduce il Reato di Tortura nell’ordinamento italiano. Un tema che era tornato a far discutere solo quando, nell’aprile del 2015, la Corte europea dei diritti umani aveva condannato l’Italia stabilendo che il blitz di polizia effettuato nel 2001 alla scuola Diaz, nell’ambito del G8 di Genova, doveva essere qualificato come una vera e propria “tortura”. Una sentenza che non si limitò a guardare e condannare quei fatti ma che intese altresì punire l’Italia per l’incapacità delle sue istituzioni di dotarsi di una legge per l’introduzione del reato di tortura, dopo ben trent’anni dalla sottoscrizione della “Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti” approvata dall’Onu il

Sorgente: Reato di Tortura: cosa prevede il ddl sospeso

Azioni

COMMENTI:

RASSEGNA STAMPA 2.0:

Rassegna Stampa 2.0 offre ai lettori un punto di vista alternativo, esaltando particolari importanti che sfuggono alla lente d'ingrandimento dell'informazione, dando spazio a quelle voci ribelli, che hanno questa brutta abitudine di scrivere ciò che pensano, offrendo a tutti loro la possibilità di avere un tavolino personale dove poter salire per esprimersi con un megafono e uno spazio che gli permetta magari di essere indicizzati da google, riteniamo giusto collaborare con siti non molto conosciuti, dove tante persone ogni giorno svolgono un lavoro enorme nel cercare, verificare e pubblicare notizie su temi scottanti, citando sempre le fonti e confezionando il tutto con foto.

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!" Dr. Seuss

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK