di
Luciana Briganti
LA LORO COLPA È DOPPIA PERCHE SANNO

Molte persone ancora si chiedono e mi chiedono qual’è la posizione ufficiale del M5S sul tema dei vaccini. La confusione nasce dal fatto che il Movimento fin dalla sua nascita si è sempre dichiarato contro gli interessi delle multinazionali e uno dei suoi “Padri Fondatori” ha sempre decantato l’inutilitá e la pericolosità di farmaci e vaccini.
Ora molti elettori del movimento faticano a comprendere le nuove posizioni politiche di quest’ultimo che possono essere sintetizzate come segue: “opportunismo elettorale”.

Come ho già avuto modo di dire, la Portavoce del M5S più attendibile ORA per il tema dei vaccini è la Senatrice Elena Fattori, che piaccia o meno, il movimento ha deciso di dichiararsi pro vaccino e pro obbligo se necessario ( = epidemia o caduta copertura e compromissione dell’immunitá di gregge) come si può ben leggere nel disegno di legge a prima firma Taverna depositaro al Senato.
Tutti i portavoce (senatori, deputati, consiglieri regionali e comunali) che mi hanno detto che la Fattori quando parla dei vaccini parla per sè stessa e non a nome del movimento sono stati smentiti nei fatti ed in tutte le seguenti comunicazioni e dichiarazioni dei vertici del movimento a partire da Di Maio.
Dunque la Senatrice Fattori parla in nome del movimento, tant’è che chiunque dica il contrario è passibile di diffida o querela (io stessa ho ricevuto la diffida della Sen. Fattori per aver ripetuto quello che molti portavoce mi hanno detto in più occasioni, e cioè che la Sen. Fattori parla a titolo personale).
Il M5S l’ho votato anche io fin dall’inizio, ma ora in coscienza non posso più votare un PARTITO (perche ormai è un partito e non più un movimento) che ha TRADITO la base e che ragionando sui numeri e la fredda carta ha deciso di mettere in pericolo migliaia di bambini pur di ottenere il consenso elettorale dei pro vax.
All’interno dell’ex Movimento ci sono ancore molte persone (attivisti e portavoce) che ancora non si sono resi conto di essere stati raggirati dal loro stesso vertice: nel movimento non esiste più l’1 vale 1 da quando è morto Casaleggio ed il movimento è stato ereditato in stile monarchia dal figlio; nel movimento la base non prende più le decisioni attraverso la democrazia diretta da quando molti argomenti, comemil tema dei vaccini, non vengono più messi al voto sulla piattaforma; nel movimento molti portavoce sono diventati Onorevoli e non si comportano come richiesto al portavoce… Per questo e per altri motivi più sottili chiedo a tutti i dissidenti del Movimento di fare un passo avanti e di DENUNCIARE questi impostori che hanno derubato il movimento ai loro legittimi fondatori.

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

137€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€