Il 9 giugno 2017 il Presidente del Governo della Catalogna Carles Puigdemont annunciò l’intenzione di indire per ottobre dello stesso anno un secondo referendum, stavolta di natura vincolante, sull’indipendenza della Catalogna.

Il 6 settembre 2017 il Parlamento della Catalogna ha approvato il decreto legge che indice il referendum con valore vincolante sull’indipendenza della Catalogna dalla Spagna in forma di repubblica fissandone la data al 1º ottobre 2017.

Il Governo del Regno di Spagna ha ripetutamente dichiarato di considerare tale consultazione “illegale” in quanto viola l’articolo 2 della Costituzione spagnola che sancisce “l’unità indissolubile” dello Stato.

Il 20 settembre 2017 la Guardia Civil fa irruzione ,  armata fino a denti, negli uffici ministeriali della Generalitat di Catalogna per sequestrare 10 milioni di schede del referendum sull’indipendenza previsto per il 1 ottobre e arrestare 14 membri dell’esecutivo di vario livelli, tra cui il segretario generale dell’Economia.

Tutto questo nell’indifferenza più assoluta dell’Unione Europea che  la considera  una “questione di carattere interno” .

Già nel 2014 la Catalogna fece un referendum sempre sullo stesso tema e circa 80% dei cittadini votò per  l’indipendenza   …  all’ora però l’esito finale non era “vincolante ” come quello del 1 ottobre 2017 e dopo gli arresti di ieri la situazione potrebbe precipitare in una guerra civile .

 

N.B.  – L’IMMAGINE QUI SOPRA RAPPRESENTA LA BANDIERA INDIPENDENTISTA CATALANA , SU FB E ALTRI SOCIAL è STATO PROPOSTO DI USARLA COME IMMAGINE DEL PROPRIO PROFILO PER QUALCHE GIORNO  , IN SOLIDARIETA’ E CONTRO LA REPRESSIONE DEL POPOLO DEMOCRATICO CATALANO .

Noi accettiamo l’invito e la useremo nel profilo della pagina FB di Rassegna Stampa  .

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

157€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€