Milano, 8 maggio 2020 – uno di loro Ha dormito in piazza sdraiato su tre sedie, ai piedi dell’Arco della Pace, e continua a oltranza il suo sciopero della fame “contro le multe ingiuste”. Il ristoratore Paolo Polli, 54 anni, sta portando avanti anche a nome degli altri colleghi la protesta cominciata mercoledì per lanciare un appello (“Ripartire ora non è sostenibile, lo Stato ci aiuti”) e interrotta con l’intervento della polizia che “per assembramento”, vietato dalle disposizioni anti Covid, ha multato 15 commercianti.

 

Fonte

 

COMMENTI:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK