I motivi per cui non possiamo usare il voto elettronico nelle elezioni

 

Le procedure elettroniche sono fuori da qualsiasi controllo democratico perchè noi umani non siamo “equipaggiati” per verificare ciò che accade all’interno di un apparato elettronico.
Per tale motivo qualsiasi computer non programmato da noi stessi è per noi una “black box” (scatola nera) e l’ unico modo con il quale possiamo veramente verificarne l’ operato é di conoscere i dati in ingresso e confrontare il risultato previsto con quello effettivo (vedi Reflections on Trusting Trust, di Ken Thompson).
Sfortunatamente nelle elezioni non sono conoscibili ne i dati di ingresso (i voti sono segreti) ne un risultato previsto da confrontare con quello prodotto dalle procedure di voto. Quindi le procedure elettorali elettroniche non possono essere verificate da nessun essere umano.
quindi…

I risultati elettorali elettronici non sono verificabili da noi umani e questo limite non è superabile da alcuna soluzione tecnologica.

quindi…

Dobbiamo avere completa e cieca fiducia nella accuratezza, nell’ onestà e nella sicurezza dell’ intero apparato elettorale (persone, hardware, software e reti di comunicazione). Ma non possiamo farlo (vedi sopra punto d e punto e).

quindi…
Le elezioni elettroniche NON sono adatte alla Democrazia

E’ bene notare che la precedente affermazione è vera indipendentemente dalla soluzione tecnica (software ed hardware) usata per il voto

thus…
nessun artificio tecnico può rendere il voto elettronico compatibile con la democrazia!.

Anche se avessimo un sistema di voto elettronico perfetto, un sistema che segua tutti gli standard di sicurezza, ebbene anche in questo caso i voti sarebbero acquisiti e memorizzati in modo anonimo e questi (non verificabili) dati, elaborati da (non verificabili) procedure elettroniche, deciderebbero il (non verificabile) vincitore delle elezioni./

thus…
Il voto elettronico non è un problema tecnico, ma un PROBLEMA SOCIALE!

I governi non possono dimostrare la correttezza dei risultati di elezioni elettroniche ma le opposizioni non possono dimostrare l’ esistenza di eventuali brogli elettorali!

Sorgente: Voto Elettronico e Democrazia

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTEGNO ALLA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostegno alla Controinformazione italiana libera e indipendente

16€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€