×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Categoria dell'articolo:Salute

 

Sorgente: Cannabis Terapeutica e CBD può aiutare nella cura del cancro?

La Cannabis Terapeutica ed il CBD in particolare può avere campi di applicazione anche in ambito oncologico.

Sempre più persone cercano cure alternative alla medicina cosiddetta convenzionale tuttavia circa la Cannabis le prescrizioni possono essere fatte solo quando le terapie convenzionali risultano fallimentari. Cosa dice la Scienza sul Tema?

“Come laboratorio di ricerca pre-clinica – afferma Massimo Nabissi, ricercatore e docente presso l’Università di Camerino intervistato sul nostro Blog – abbiamo svolto diversi studi relativi all’effetto del THC e CBD nel glioblastoma e nel mieloma multiplo. I dati ottenuti sono stati oggetto di pubblicazioni scientifiche e hanno contribuito all’avvio della prima sperimentazione clinica in pazienti con glioblastoma. Per il mieloma multiplo, i dati che abbiamo ottenuto sono stati oggetto d’interesse e presi in considerazione per avviare studi clinici, attualmente in fase di organizzazione”.

Saverio Cinieri, primario del reparto di oncologia dell’Ospedale Perrino di Brindisi, in un’intervista rilasciata a LaRepubblica afferma che la Cannabis “..può essere prescritta per la nausea e il vomito causati da chemioterapia, radioterapia o dalle terapie per Hiv. E’ indicata anche come stimolante dell’appetito nella cachessia, anoressia, perdita dell’appetito in pazienti oncologici o affetti da Aids e nell’anoressia nervosa”.

Tuttavia non bisogna illudere gli utenti, le patologie tumorali sono molto diverse tra di loro ed ogni caso specifico richiederebbe una terapia mirata.

“I cannabinoidi hanno dimostrato (in studi pre-clinici) – afferma Nabissi –  di funzionare in diverse patologie tumorali (polmone, seno, glioblastoma, pancreas, prostata, mieloma multiplo, melanoma), agendo come anti-tumorali e migliorando la risposta biologica dei chemioterapici, quando utilizzati in combinazione con cannabinoidi. Quindi quando si parla o si pubblicizza ‘la molecola che cura il cancro’, qualunque essa sia, è un modo scientificamente poco corretto di spiegare un risultato scientifico e si rischia di illudere i pazienti affetti da tumore”.

Per i cannabinoidi si puo’ parlare di efficacia biologica intesa come attività anti-tumorale, nei modelli di tumore studiati, in altri tipi di tumore non si hanno ancora dati scientifici.

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

840€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 5,00€