IN SVEZIA E’ TUTTO APERTO 

La Svezia invece ha deciso di seguire un’altra strategia. Nessuna chiusura di scuole, locali pubblici e attività economiche. Sono soggette alla quarantena solo le persone positive. Nella foto d’apertura: una strada di Stoccolma il primo aprile 2020.  Eppure il Sars-Cov2 è anche lì una minaccia: l’ultima statistica, aggiornata alle 14 del 2 aprile (qui i dati), riporta 5.466 casi con 429 persone ricoverate in terapia intensiva. I decessi attribuiti al Coronavirus sono 282: solo 33 svedesi deceduti avevano meno di 70 anni. Qualche limitazione ovviamente c’è anche in Svezia: sono vietate le iniziative con più di 50 presenti, le case di riposo dal 31 marzo scorso sono off limits per chiunque. La Svezia ha circa 10 milioni di abitanti, gli stessi della Lombardia, ma ha un’estensione molto maggiore rispetto all’Italia: circa 500 mila chilometri quadrati, contro 300 mila. La densità di popolazione è dunque molto bassa: anche in Italia nelle zone più periferiche la diffusione del Sars-Cov2 è bassa.

PERCHE’ QUESTA STRATEGIA?

La risposta al virus che il governo svedese ha scelto si basa sulla fiducia: le autorità hanno stilato un decalogo di consigli, e i cittadini si attengono scrupolosamente.

 

Fonte

 

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

162€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€