Non c’è dolo né colpa, se si inquina in nome della Patria?

I bisnonni morti di tumore. E così la nonna e tre zii. Tutti in linea paterna. Tutti di Teulada. Tutti cresciuti in quei terreni di famiglia a Sa Stoia, il poligono militare a un passo. Sul lato est. Il centro abitato a otto chilometri, dove le colonne di blindati diventano persino un’abitudine. Sino a quanto non ti ammali di cancro. “E cominci a pensare che ci può essere una correlazione tra il tuo tumore e i missili al torio usati per le esercitazioni”. Ruben Bernardino ha la pazienza di chi si è visto obbligato a credere nell’allegria pure su un letto d’ospedale, con il linfoma di Hodgkin che gli mangiava i suoi diciannove anni. Oggi ne ha trentotto. E nel 2012 è andato dritto da un avvocato per “cercare i responsabili”. Bernardino ha firmato uno dei venti esposti depositati in Procura a Cagliari dall’avvocato Giacomo Doglio. Meno di due settimane fa, il pm Emanuele Secci ha scritto che non ha ragion d’essere un processo contro i cinque capi di Stato maggiore indagati, perché “le esercitazioni sono un dovere militare”. Quindi non c’è dolo né colpa, se si inquina in nome della Patria. Eppure lo stesso magistrato inquirente ha accertato a Teulada una contaminazione irreversibile“, fatta anche di “materiale radioattivo“. Solo dal 2008 al 2016 è stata calcolata una pioggia di fuoco da “860.624 colpi“. Il verdetto finale arriverà tra qualche mese, quando il Gip deciderà sulla richiesta di archiviazione avanzata dal Pm e a cui l’avvocato Doglio si è opposto insieme al collega Roberto Peara.“

Fonte

 

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

162€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€