×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

“Ciò che è importante è che il protocollo che descrive viene utilizzato in circa il 70% dei kit Covid in tutto il mondo. È economico, veloce e assolutamente inutile.”

Seguici su telegram

Link

22 esperti internazionali hanno rilevato 10 “principali difetti” nel protocollo principale del test covid-19 .

Il rapporto smantella sistematicamente lo studio originale , chiamato documento Corman-Drosten, che descriveva un protocollo per applicare la tecnica PCR alla rilevazione di Covid.  Il documento Corman-Drosten è stato pubblicato il 23 gennaio 2020, appena un giorno dopo essere stato presentato, il che renderebbe qualsiasi processo di revisione tra pari forse il più breve nella storia. Ciò che è importante è che il protocollo che descrive viene utilizzato in circa il 70% dei kit Covid in tutto il mondo. È economico, veloce e assolutamente inutile.

I 10 difetti che invalidano i test :

Tra i difetti fatali che invalidano totalmente il protocollo di test PCR vi sono che il test:

Non è specifico, a causa di un disegno errato del primer

è enormemente variabile

non può discriminare tra l’intero virus e frammenti virali

non ha controlli positivi o negativi

non ha una procedura operativa standard

non sembra essere stato adeguatamente sottoposto a peer review.

Come è stato notato in precedenza , non è mai stata identificata alcuna soglia di positività.

Questo è il motivo per cui i laboratori hanno eseguito 40 cicli, garantendo quasi un gran numero di falsi positivi, fino al 97%, secondo alcuni studi.

La ciliegina sulla torta, tuttavia, è che tra gli stessi autori dell’articolo originale, almeno quattro hanno gravi conflitti di interesse. Due di loro sono membri del comitato editoriale di Eurosurveillance, la rivista dal nome sinistro che ha pubblicato il documento. E almeno tre di loro sono sul libro paga delle prime aziende a eseguire i test PCR!

Fonte

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

442€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 10,00€