×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Post category:Sociale

Quando il conduttore ha aperto il collegamento e introdotto l’argomento Francesca si è scaldata ed ha cominciato a parlargli sopra. Signorini a quel punto ha perso le staffe e le ha detto: “Pepeee, ma mi senti o no. Intanto sei una gran maleducata! Ma che stiamo scherzando? Intanto sei una gran maleducata, impara a parlare quando ti viene data la parola…

“…Siccome qui conduco io e questa, come diceva qualcun’altro, è casa mia, impara ad ascoltare e parlare quando ti do la parola”.  Visibilmente scossa dal rimprovero del conduttore, la modella ascolta e poi risponde: “Certo, ma se non mi viene data…la parola… ”. E Signorini chiosa: “L’educazione viene prima di tutto a casa mia”, quindi si rivolge a Pupo, il quale voleva intervenire prima di essere interrotto dalla Pepe, che nel frattempo ironizza: “Capra, Capra, Capra”. Francesca continua a chiedere il diritto di esprimere la propria opinione, ma Signorini la zittisce: “Credo che non ci sia bisogno di aggiungere altro Francesca… Chiudetemi la casa”.

 

N. B. Un articolo che parla dell’overtalking:

Perché zittire le donne è un abuso di potere (se lo fa un uomo).

Qualcuno lo chiama “overtalking”, è la dinamica di interrompere e non lasciare parlare le donne da parte degli uomini ed è molto più diffusa — e grave — di quanto ce ne rendiamo conto.

Fonte

 

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

556€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 10,00€