Loading...
SOCIALE

Ho inventato un nuovo gioco, si chiama #COLORAVIRUS

Abbiamo bisogno di tirare fuori la nostra bontà più profonda ora più che mai. È il momento di essere uniti, forti, sorridenti, di muovere le nostre energie positive nella stessa direzione, quella dell’umanità.

Condividete il gioco, coinvolgiamoci tutti, restiamo vicini anche se dobbiamo momentaneamente non vederci per un po’. Vinciamo noi.

Regolamento (da 2 a più giocatori) per tutta la famiglia, 99+

giorno 1 CIAO CIAO TV Tenete spenta la Tv per tutto il giorno. Rimanete in famiglia. Dopo mangiato, sparecchiate tutti insieme e tirate fuori dalla mansarda un bel gioco da tavola. Da quanto non giocate in famiglia tutti insieme? Il vostro Monopoli ha ancora tutte le pedine? Chi è il più bravo a Nomi Cose e Città? Una città con la D, escludendo Domodossola?

giorno 2 I GRANDI DETTAGLI Passeggiate nei dintorni di casa, nelle stradine che conoscete bene. Fermatevi a raccogliere dettagli, piccoli particolari che non avevate mai notato, una foglia per terra, una crepa sul muro, la forma della ruggine sulla panchina, non è anche questo viaggiare? Saziatevi di cose minuscole, oggi, diventate particolari.

giorno 3 PAROLA AL SILENZIO Prendete un giorno solo per voi. Fate almeno 2 ore di silenzio, lasciate riposare la voce, le parole, rientrate in voi. Raccoglietevi. Ascoltatevi. Accendete un incenso e date profumo alla vostra casa. Il silenzio è un linguaggio che stiamo dimenticando, riprendiamocelo, insegna molto, chiarisce le idee, calma il respiro. Per oggi, giocate a diventare il silenzio, il primo che parla lava i piatti.

giorno 4  LIBRI E LIBERI  Leggete almeno 50 pagine di un buon libro. Sottolineate le parole che vi piacciono, evidenziate un concetto che ritenete buono, un pensiero che credete giusto, e scrivetelo in un post accompagnato dall’ Hasthag #coloravirus. Creiamo una rete di cultura, scambiamoci belle frasi, bei pensieri. Facciamoci compagnia, una compagnia di bene. Siamo tanti, e siamo bellissimi.

giorno 5 PIZZA O DOLCE? Ok, tu fai il dolce, un tuo familiare (o coinquilino) la pizza. Non avete esperienza? Meglio, sarà più divertente. Oggi passatela ai fornelli, rendete la vostra cena speciale, sporcatevi le mani di uova e farina, impastate, sporcatevi, divertitevi.  Ma soprattuto fateci vedere cosa avete combinato postando la foto del vostro master-piatto seguito dall’hastagh #coloravirus

giorno 6 CREA E INVENTA Siete artisti anche quando dormite, non dimenticatelo mai, però adesso svegliatevi e riprendete quel kit da pittore che non usate più da anni. Fate un bel quadro, fategli vedere a Van Gogh di cosa siete capaci, macchiatevi di colore, riempite questa tela (o foglio) del vostro celeste più tenace e dipingete questa benedetta opera d’arte. Ricordatevi di farcelo vedere in un post (hastagh #coloravirus) (si accettano anche poesie, canzoni, collage, storielle, etc.)

giorno 7 LA GRATITUDINE Oggi passatelo a ringraziare le persone che avete vicino, riempitele di parole belle, ringraziate voi stessi, le cose, consolate il mondo da lontano. Il cielo, la terra, gli alberi, che in silenzio ci regalano tutta questa meraviglia, ringraziamoli, diventiamo la loro voce. La gratitudine è una medicina che fa miracoli. Siete vivi, la vita è dura ma è ancora bellissima.

Sarà una grande settimana, la nostra.  Vivete, giocate,continuate ad amare.

[Gio Evan] illustrator: @opvsferro   #coloravirus vs #coronavirus

Fonte

RASSEGNA STAMPA 2.0:

Rassegna Stampa 2.0 offre ai lettori un punto di vista alternativo, esaltando particolari importanti che sfuggono alla lente d'ingrandimento dell'informazione, dando spazio a quelle voci ribelli, che hanno questa brutta abitudine di scrivere ciò che pensano, offrendo a tutti loro la possibilità di avere un tavolino personale dove poter salire per esprimersi con un megafono e uno spazio che gli permetta magari di essere indicizzati da google, riteniamo giusto collaborare con siti non molto conosciuti, dove tante persone ogni giorno svolgono un lavoro enorme nel cercare, verificare e pubblicare notizie su temi scottanti, citando sempre le fonti e confezionando il tutto con foto.

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!" Dr. Seuss