×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Categoria dell'articolo:Sociale

essere vivi comporta necessariamente il rischio di morire. Tanto per restare con i piedi per terra: in Italia muoiono ogni anno, in media, circa 650.000 persone

Il green pass è stato un punto di non ritorno, perché ha annullato la solidarietà sociale. I lavoratori vaccinati, anziché sentirsi sicuri per il proprio vaccino, chiedono con forza il green pass che li protegga dal contatto con i non vaccinati, gli unici che ancora rischiano veramente la vita. I no-vax, free-vax e no-green pass mettono in atto manifestazioni contro la misura ma anche, indirettamente, contro i loro colleghi: gli uni vogliono lavorare anche senza vaccinazione, gli altri non li vogliono vicino a sé. L’affermazione, sempre ripetuta da entrambe le parti: “La tua libertà finisce dove comincia la mia“, è il frutto della stupidità indotta dalla paura, perché significa in effetti: “quella che tu ritieni sia la tua libertà finisce dove io ritengo che cominci quella che io ritengo sia la mia” ed è ovvio che su queste basi non esiste dialogo possibile

Continua dopo il Link per sostenerci :  

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

990€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 5,00€

Il panico, gonfiato da un’informazione morbosa e da una politica interessata, porta la gente non solo ad accettare, ma addirittura a richiedere misure di contenimento straordinarie, imposte con rigore inflessibile: dopo tutto, se la malattia è una colpa, richiede punizioni. Siamo ricaduti in una logica peggio che medievale, perché almeno nel Medioevo l’untore era un nemico ed era sano, oggi è il malato, cioè la vittima stessa della malattia. In questo delirio millenaristico, e a seguito delle strategie di contenimento a gran voce richieste, il tessuto sociale si lacera. Pochi pensatori più attenti ci avevano avvertito per tempo del rischio, Giorgio Agamben e Massimo Cacciari per primi, ma noi li abbiamo derisi. Oggi la lacerazione è in atto e non possiamo fare altro che registrarla.

Sorgente: Il green pass sta lacerando il tessuto sociale: perché per me siamo a un punto di non ritorno – Il Fatto Quotidiano

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

990€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 5,00€