straziante. “Mi hanno tolto mio figlio da 6 anni – racconta una delle mamme – Non so dov’è, perché non ci hanno mai detto dove si trova e lo vediamo 1 ora ogni 2 mesi”. “E’ un anno e mezzo che non vedo i miei figli – dice un’altra signora – perché comunque mi sono stati negati. Quindi sono qua per riaverli e per combattere fino all’ultimo per portarli comunque di nuovo a casa con me”. E ciò che ci angoscia ancora di più e non sapere con certezza quanti casi simili esistano in Italia, in questo momento.”

“… I genitori ai quali sono stati sottratti i figli rivogliono indietro quanto di più prezioso abbiano mai avuto nelle loro vite. Noi vogliamo che i loro desideri si realizzano, come è giusto che sia, e soprattutto vogliamo che sia fatta piena luce su quanto accaduto in Emilia Romagna e sull’intero meccanismo degli affidi. La Commissione di inchiesta che abbiamo proposto di istituire servirà anche a questo scopo e non ci fermeremo. Il MoVimento 5 Stelle ha fatto della tutela dei minori un tema fondamentale al quale lavorare. Da tempo, da molto prima che la cronaca cominciasse a raccontare i fatti di Bibbiano, abbiamo dimostrato grande sensibilità sull’argomento… ”

“… Noi siamo al fianco di tutte quelle famiglie travolte dall’assurdo business degli affidi. Insieme a loro andremo avanti finché non sarà fatta giustizia… “

 

18 luglio 2019…

 

Fonte

 

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

137€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€