×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Categoria dell'articolo:Sondaggi

«E’ una misura che si adegua a quella di altri corpi d’armata nel mondo», precisa il portavoce dell’esercito del Papa. Dal primo ottobre e’ obbligatorio per tutti i dipendenti vaticani il Green pass che può essere ottenuto non solo con il vaccino ma anche con un test negativo. Nel caso specifico delle Guardie svizzere, che sono sempre a stretto contatto con il Papa e i suoi ospiti, si è ritenuto che il test non bastasse perché potrebbe non rilevare contagi recenti e si é dunque scelta la strada del vaccino obbligatorio.

Città del Vaticano – Le strette e rigorose misure introdotte su tutto il territorio vaticano da Papa Francesco sull’obbligo del green pass hanno iniziato a produrre i primi problemi. I no-vax o le persone che lavorano in Vaticano contrari alla vaccinazione restano una percentuale risicata ma stavolta a sollevare di nuovo il caso – dopo la denuncia fatta da Francesco tornando dal viaggio in Slovacchia sulla presenza di cardinali contrari – è la clamorosa defezione di tre guardie svizzere. I tre militari hanno preferito rinunciare all’incarico piuttosto che sottoporsi alla vaccinazione anche se, a maggio, avevano giurato come tutti di servire fedelmente il Papa offrendo, se necessario, la propria vita come fecero 5 secoli fa gli alabardieri elvetici contro i lanzichenecchi.

Continua dopo il Link per sostenerci :  

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

758€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 5,00€

Città del Vaticano – Le strette e rigorose misure introdotte su tutto il territorio vaticano da Papa Francesco sull’obbligo del green pass hanno iniziato a produrre i primi problemi. I no-vax o le persone che lavorano in Vaticano contrari alla vaccinazione restano una percentuale risicata ma stavolta a sollevare di nuovo il caso – dopo la denuncia fatta da Francesco tornando dal viaggio in Slovacchia sulla presenza di cardinali contrari – è la clamorosa defezione di tre guardie svizzere. I tre militari hanno preferito rinunciare all’incarico piuttosto che sottoporsi alla vaccinazione anche se, a maggio, avevano giurato come tutti di servire fedelmente il Papa offrendo, se necessario, la propria vita come fecero 5 secoli fa gli alabardieri elvetici contro i lanzichenecchi.

Sorgente: Vaticano, tre Guardie Svizzere no-vax si dimettono: non accettano l’obbligo di green-pass deciso dal Papa. Altre tre sospese

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

758€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 5,00€