×

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“La libertà di espressione va esercita con responsabilità. La libertà di parola e la libertà d'azione non hanno significato senza la libertà di pensiero e non c'è libertà di pensiero senza il dubbio. Dire quello che pensi certo ti danneggia in società: ma la libertà di parola vale più di mille inviti.”

  • Categoria dell'articolo:Tecnologia

sbufalatori”, o debunker, rifiutano a priori qualsiasi idea nuova che esca per un attimo dal pensiero unico-orwelliano politicamente corretto.

Probabilmente anche l’umanista Lorenzo Valla, quando nel 1440 scoprì che la Donazione di Costantino era un falso, si sarebbe sentito affibbiare l’epiteto di “complottista”. Del resto l’affare era grosso: l’imperatore romano, con quell’atto, giustificava il potere temporale della Chiesa. Peccato che la forma latina fosse troppo “moderna” per appartenere realmente al IV secolo.

Soprattutto nella nostra epoca di iperspecializzazione, chi è troppo immerso in una materia, è inevitabilmente condizionato da tutti i dogmi, le influenze e gli interessi compresi in quel ramo ed è spesso impedito, anche in buona fede, nel percepire questioni macroscopiche e di logica elementare che invece non sfuggono intuitivamente a chi è del tutto digiuno della materia.

Il filosofo Costanzo Preve diceva ad esempio che mai, come nella nostra epoca, gli intellettuali hanno detto cose molto più stupide rispetto a quelle dette dalla gente comune.

Continua dopo il Link per sostenerci :  

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

758€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 5,00€

Se è la Verità quella che davvero interessa, un contestatore dotato di nuovi argomenti “di rottura” non potrà che fornire un’utile cartina al tornasole.

Ovviamente, c’è L’ONERE DELLA PROVA dal quale non si può scappare e, se si dicono idiozie in modo gratuito, allora è giusto che si venga esposti al pubblico ludibrio, o perfino sanzionati per aver fatto perdere tempo alla comunità o averla inutilmente destabilizzata.

Chi è, però, davvero interessato alla Verità sa che essa si può annidare ovunque, pertanto ascolta tutto con apertura, riflessione logica e valutazione finale.

 

Sorgente: Tra complottisti e sbufalatori di professione, muore la verità oggettiva

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK

SOSTIENI RASSEGNA STAMPA 2.0

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

758€ su 10.000€ raccolti
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 5,00€