Loading...
NEWSTECNOLOGIA

Il riconoscimento facciale deve preoccuparci? – Il Post

 

 

 

Un gruppo di attivisti ha provato a dimostrare che sì, con una strana protesta a Washington: ma ci sono molti precedenti inquietanti : Giovedì 14 novembre, tre persone in tuta da lavoro bianca e con uno smartphone sulla fronte hanno camminato per le strade e nelle sale di Capitol Hill, la sede del Congresso degli Stati Uniti, inquadrando le facce delle persone che incrociavano. I loro telefoni erano collegati al software di riconoscimento facciale di Amazon, Rekognition, un sistema molto raffinato e venduto, tra l’altro, a numerose forze di polizia negli Stati Uniti. Il programma impiega algoritmi che migliorano man mano che vengono catalogate e riconosciute sempre più facce, e di recente Amazon ha annunciato di avere ulteriormente migliorato il sistema, aggiungendo una funzione per rilevare lo stato d’animo delle persone. In poche ore, i tre attivisti hanno raccolto migliaia di volti e li hanno confrontati con un database che ne consente l’identificazione, che in alcuni casi è riuscito a identificare le persone inquadrate immediatamente. Tutto il processo è stato trasmesso in streaming.

Sorgente: Il riconoscimento facciale deve preoccuparci? – Il Post

RASSEGNA STAMPA 2.0:

Rassegna Stampa 2.0 offre ai lettori un punto di vista alternativo, esaltando particolari importanti che sfuggono alla lente d'ingrandimento dell'informazione, dando spazio a quelle voci ribelli, che hanno questa brutta abitudine di scrivere ciò che pensano, offrendo a tutti loro la possibilità di avere un tavolino personale dove poter salire per esprimersi con un megafono e uno spazio che gli permetta magari di essere indicizzati da google, riteniamo giusto collaborare con siti non molto conosciuti, dove tante persone ogni giorno svolgono un lavoro enorme nel cercare, verificare e pubblicare notizie su temi scottanti, citando sempre le fonti e confezionando il tutto con foto.

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!" Dr. Seuss