I documenti riservati rubati durante l’attacco informatico all’Agenzia europea per i medicinali (EMA) il 9 dicembre 2020 stanno riaffiorando nel Dark Web. Il quotidiano francese Le Monde è riuscito a recuperarne alcuni, che riguardano soprattutto la valutazione del vaccino Pfizer-BioNTech. Tra questi, ci sono 19 email scambiate tra il 10 e il 25 novembre, alcune delle quali “manipolate” da hacker, secondo quanto riporta l’EMA in un comunicato. Tuttavia, l’Agenzia riconosce che «le email trapelate riflettono problemi e discussioni che hanno avuto luogo»: da cinque email si evincono le pressioni che l’EMA stava affrontando per approvare il vaccino il più velocemente possibile.

Il principale attrito riguardava le differenze qualitative tra i lotti commerciali e quelli utilizzati negli studi clinici. L’RNA, componente cruciale del vaccino, consente di produrre la proteina spike del virus. Mentre i vaccini utilizzati negli studi clinici avevano tra il 69% e l’81% di RNA “integrato”, i dati sui lotti commerciali evidenziavano una diminuzione del grado di integrità dell’RNA, con una media del 59%. Le differenze nell’esatta composizione dei vaccini erano probabilmente dovute al fatto che, per passare dalla fase clinica a quella commerciale, si era reso necessario cambiare i processi produttivi. L’EMA ha confermato che il problema è stato successivamente risolto, il che ha permesso all’Agenzia di approvare il vaccino. La Commissione Europea afferma che le discussioni «non hanno mai interferito in alcun modo con l’integrità della missione dell’EMA».

Fonte

LASCIA UN COMMENTO:

Rassegna Stampa

“La prima regola del giornalismo è sapere ciò che si vuole apprendere, la seconda è trovare chi è in grado di dare le informazioni che si stanno cercando.”

SEGUICI SU TUTTI I SOCIAL NETWORK


SOSTIENI LA CONTROINFORMAZIONE ITALIANA LIBERA E INDIPENDENTE

“Essi considerano come loro peggior nemico chi dice loro la verità” (Platone) e noi per circa dieci anni siamo andati avanti sfruttando proprio la nostra passione per la verità e le notizie “scomode”, adesso però abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Rassegna stampa 2.0 è una fonte d’informazione alternativa indipendente che fino ad ora si è sostenuta grazie ed unicamente al lavoro e alla passione di due ragazzi italiani, David e Mirco.

Oggi però le cose stanno velocemente cambiando e la censura preventiva dei social, per quanto riguarda le fonti di controinformazione libera come la nostra, si stanno facendo sempre più dure, restringenti e discriminanti. Le spese non sono più sostenibili e la passione e la buona volontà non bastano più.

Se non riusciamo a raggiungere una cifra adeguata che ci permetta di autofinanziarci per tutto il 2021, saremo purtroppo costretti a chiudere, al contrario, se la raccolta dovesse andare a buon fine, potremmo portare a termine i tanti progetti che abbiamo chiuso nel cassetto per mancanza di fondi, primo su tutti la creazione di una “tavola rotonda per Italexit”.

Abbiamo deciso di rinunciare al guadagno tramite pubblicità perché crediamo che il giornalismo non debba esserne schiavo e tantomeno usare il metodo acchiappia click, ma soprattutto perché crediamo nella generosità di chi ha compreso che la controinformazione libera ed indipendente é una parte essenziale della verità.

Sostieni la Controinformazione italiana libera e indipendente

162€ of 10.000€ raised
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 1,00€