Vaccini sicuri ai militari. E ai bambini? – - RASSEGNA STAMPA 2.0
Loading...
NEWSSALUTEVACCINI

Vaccini sicuri ai militari. E ai bambini? –

Antefatto:

” … Migliaia di militari colpiti da malattie invalidanti dopo le missioni all’estero negli ultimi decenni hanno indotto il Ministero della Difesa a istituire una prima Commissione d’inchiesta. Cliccate qui per saperne di più.

Si è creduto, per anni, che la causa del numero impressionante di linfomi, tumori e malattie del sistema immunitario che colpivano i nostri soldati fosse l’uranio impoverito presente sotto forma di micropolveri inalate nei territori di guerra.

Nel 2004 inizia lo studio Signum: coinvolge 982 militari. Si osservano lo stile di vita, la dieta, il fumo e le vaccinazioni. Il lavoro è condotto da un comitato scientifico di 14 esperti delle università di Pisa, Genova e Roma. Sorprendenti le conclusioni, nel 2010: nei soldati monitorati la quantità di uranio impoverito presente nel sangue e nelle urine non risultava aumentata al termine della missione, ma diminuita. Erano invece aumentati i livelli di cadmio e nichel, notoriamente cancerogeni, ed era cresciuto il danno ossidativo sul Dna dei linfociti, cioè delle cellule del sistema immunitario, in particolare tra i soggetti che svolgevano intensa attività all’esterno ed avevano subito 5 o più vaccinazioni… “

Sorgente: Vaccini sicuri ai militari. E ai bambini? –

RASSEGNA STAMPA 2.0:

Rassegna Stampa 2.0 offre ai lettori un punto di vista alternativo, esaltando particolari importanti che sfuggono alla lente d'ingrandimento dell'informazione, dando spazio a quelle voci ribelli, che hanno questa brutta abitudine di scrivere ciò che pensano, offrendo a tutti loro la possibilità di avere un tavolino personale dove poter salire per esprimersi con un megafono e uno spazio che gli permetta magari di essere indicizzati da google, riteniamo giusto collaborare con siti non molto conosciuti, dove tante persone ogni giorno svolgono un lavoro enorme nel cercare, verificare e pubblicare notizie su temi scottanti, citando sempre le fonti e confezionando il tutto con foto.

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!" Dr. Seuss